10 modi semplici ed economici per ringraziare i donatori con i social media

Le organizzazioni non profit spesso fanno fatica ad acquisire e trattenere donatori di lunga data. Non è raro perdere tutti i donatori guadagnati o perdere quanti soldi nelle donazioni guadagnati, facendo sembrare l'intero sforzo come correre su un tapis roulant: molto sforzo ma nessun movimento in avanti.

I donatori prendono la decisione di rimanere fedeli alla propria organizzazione e di dare di nuovo in base a tre cose:

  • Devono ricevere un riconoscimento tempestivo e significativo del loro dono. In termini pratici, il riconoscimento dovrebbe essere immediato e consistere in qualcosa di più di una semplice ricevuta.
  • Devono avere l'opportunità di assistere un particolare progetto piuttosto che il secchio "operativo generale".
  • Devono comprendere l'impatto del loro dono e ciò che ha contribuito a realizzare.

È importante fornire tutte e tre queste cose ai tuoi donatori ogni volta che effettuano una donazione, anche quando non chiedi soldi. I tuoi donatori vogliono e hanno bisogno di ascoltare frequentemente dalla tua organizzazione, e i social media sono un modo perfetto per rimanere in testa mentre riconoscono la loro generosità e il loro sostegno.

I social media non sostituiscono le tecniche personali come ringraziare i donatori faccia a faccia o tramite telefonate, note di ringraziamento scritte a mano ed eventi di apprezzamento. Tuttavia, vale la pena iniziare a pensare ai diversi modi in cui è possibile utilizzare le comunità online come Facebook e Twitter per consolidare ulteriormente le relazioni con i donatori e per mostrare l'ottimo lavoro che fai ogni giorno.

Esistono almeno 10 modi semplici ed economici per utilizzare i social media per ringraziare donatori e sostenitori.

1. Condividi risorse utili

La migliore strategia a lungo termine per ringraziare i donatori e incoraggiarli a far parte della tua comunità no profit è quella di condividere costantemente informazioni pratiche, utili e preziose. Puoi trovare queste informazioni comprendendo a fondo i tuoi donatori e ciò che li rende tick. Cosa li interessa? Cosa risuona? Cosa provoca un'azione? Cosa cade piatto?

Collegando i tuoi donatori ad altre risorse che potrebbero trovare utili, condividendo informazioni utili e fornendo suggerimenti e contenuti utili, mostri loro che stai ascoltando e che li capisci. In cambio, possono interagire con te sui social media e condividere i tuoi post con le loro reti.

La Croce Rossa americana è un buon esempio di organizzazione che condivide consigli utili e pertinenti sulla sua pagina Facebook e sul suo blog.

2. Rispondi alle domande frequenti dei donatori su Facebook

Pensa alle domande più frequenti che ricevi dai donatori. Crea una breve risposta a ogni domanda, aggiungi un ottimo aspetto visivo e avrai un post Facebook utile e informativo.

Per ulteriore credito, metti i nomi dei donatori nella posta e tagga loro o la loro azienda per costruire ulteriormente il rapporto con il loro permesso, ovviamente.

Il NonProfit Times fornisce alcuni buoni esempi di domande frequenti poste dai donatori e ColoradoGives fornisce un buon esempio di utile pagina FAQ.

3. Mostra i tuoi donatori

Sui social media, hai una frazione di secondo e caratteri limitati per catturare l'attenzione degli utenti. In qualsiasi post di social media indirizzato ai donatori, inizia con "Grazie a te" o "Grazie alla tua generosità".

Mettere in mostra la generosità e la passione dei tuoi donatori ti aiuterà a distinguerti in un feed di notizie ingombra e incoraggerà i donatori a condividere il post con le loro reti.

Project AWARE e Sport Diver Magazine scelgono un #DebrisHero mensile e presentano la loro storia e foto sui loro account sui social media. Queste persone possono essere donatori, volontari o legislatori che hanno dimostrato l'impegno a mantenere puliti gli oceani.

4. Retweet e ripubblicare il contenuto dei donatori

Crea un elenco Twitter dei tuoi donatori, sponsor aziendali, finanziatori e principali sostenitori. Inoltre, imposta gli avvisi di Google per questo stesso elenco di persone e delle loro società.

In questo modo puoi facilmente monitorare i loro tweet, post di blog e notizie e condividere i loro contenuti sui tuoi canali di social media. Dimostrando che stai prestando attenzione e riconoscendo i loro altri risultati - oltre a donare alla tua organizzazione - costruirai relazioni ancora migliori con questi donatori. Imparerai anche di più su di loro, che è sempre un'efficace strategia di raccolta fondi.

5. Ringrazia i video usando Facebook Live e Instagram

Facebook Live e Instagram sono app mobili che ti consentono di scattare video e condividerli da qualsiasi dispositivo mobile. Utilizzando solo il tuo smartphone, tu e il tuo staff o i vostri volontari potete fare un breve e dolce video di ringraziamento per le donazioni appena arrivano.

6. Fornire accesso esclusivo

Offri ai tuoi donatori l'accesso esclusivo ai tuoi migliori funzionari attraverso un Hangout di Google dal vivo o un webcast su Facebook. Sperimenta le app di streaming live come Periscope o Meerkat e fornisci uno sguardo dal vivo dietro le quinte di un evento o programma.

La Gates Foundation, ad esempio, utilizza domande e risposte in diretta su Facebook per consentire ai suoi sostenitori di accedere a Bill Gates e promuovere il loro lavoro e la loro missione.

7. Dimostrare impatto

Mostrare il tuo impatto è di gran lunga il modo più importante per utilizzare i social media per ringraziare i donatori. Dì loro dove sono andati i loro soldi e ringraziali per aver contribuito a rendere il mondo un posto migliore condividendo aggiornamenti regolari e significativi sui tuoi clienti, sul tuo lavoro e sul tuo impatto.

L'ospedale pediatrico di Boston condivide spesso post di impatto sulla loro pagina Facebook, spesso mettendo in mostra la storia di un paziente che è stato aiutato dall'ospedale.

8. Renditi accessibile

La donazione di donatori spesso può essere il risultato di un servizio clienti scadente.

La cura può essere facile come rispondere a domande e commenti ogni volta che arrivano. Non rifuggire da dibattiti e conversazioni sui tuoi canali di social media. Chong in ove appropriato o indirizzare le persone offline per rispondere ulteriormente alle loro preoccupazioni.

Crea una cultura online trasparente in cui donatori e altri membri della tua comunità online possano porre domande e esprimere opinioni. Qualunque cosa tu faccia, non eliminare commenti o domande a meno che non siano osceni o spam.

La reattività viene misurata direttamente e riportata direttamente sulla tua pagina Facebook. Come misura la tua pagina Facebook?

9. Esegui una campagna di gratitudine

Girls Inc. organizza una campagna "30 Days of Gratitude" per ringraziare i propri donatori, utilizzando un approccio multicanale che coinvolge i social media.

La Wellbody Alliance porta sul suo blog e sui canali dei social media due volte alla settimana a novembre per esprimere gratitudine per i loro donatori, dipendenti, volontari e partner. Attraverso elementi visivi e grafici, Wellbody racconta la storia di una o più persone che presentano.

10. Collegare i donatori tra loro

Crea un gruppo Facebook o LinkedIn esclusivo per i tuoi donatori. La creazione di un gruppo come questo per i donatori che raccolgono fondi per conto proprio è particolarmente gratificante poiché possono quindi condividere le migliori pratiche, idee e fornire feedback sulle reciproche campagne. Anche i donatori sono persone e hanno carriere e interessi professionali propri. Aiutarli ad avanzare e costruire le loro reti è un modo fantastico per ringraziare.

Guarda il video: Come NON IMPAZZIRE sui Social Media Minimalismo Digitale (Dicembre 2019).

Loading...